L' ALTRA VOCE DI CORREZZANA

Informazioni, notizie e aggiornamenti a cura di Correzzana Viva

#3. Aggiornamenti e riflessioni da Correzzana Viva!

logo120

Per tutti i cittadini di Correzzana, ma non solo, ecco il nuovo numero del notiziario con tanti aggiornamenti e qualche riflessione su vari temi che ci stanno a cuore come la trasparenza, la sicurezza, l’urbanistica e la gestione dei soldi e dei beni pubblici.

Sommario

Diversi modi di…

“FARE POLITICA”

1

Priorità n. 1: TRASPARENZA.
Perché vogliamo un bilancio credi-bile.

2

Più trasparenza = più risorse per Correzzana

2

Priorità n. 2: URBANISTICA sostenibile e responsabile

3

“URGE” una nuova rotonda: la strettoia può attendere…

3

Priorità n. 3: BENI PUBBLICI.
Gestione trasparente e ocu-lata

4

Priorità N. 4: SICUREZZA.
Videosorveglianza subito!

4

Priorità n. 5: INNOVAZIONE E FISCALITA’ VIRTUOSA: + qualità, – tasse

4

Come sempre una copia cartacea del notiziario è stata recapitata nella cassetta della posta a tutti i cittadini di Correzzana per non trascurare chi non ha dimestichezza con la tecnologia digitale.

Buona lettura!

aggiornamenti #3. Correzzana Viva vi aggiorna!

 


Un omaggio a Santo Capelli

Nome di battaglia: Sandro

Nasce nel 1925 a Hussigny Godbrange, a Nord della Francia, da Antonio e Maria Capelli, entrambi di origine bergamasca: il padre lavorava come minatore in una cava di ferro al confine col Lussemburgo.
L’intera famiglia rientra in Italia nel 1938, al richiamo del Duce, e nel 1939 si trasferisce a Correzzana, dove Santo rimarrà fino al 1959. Attualmente risiede ad Arcore.
Patriota fin da bambino, nei primi anni di vita subisce la propaganda fascista.
Nel 1944 una serie di circostanze lo portano alla decisione che segnerà definitivamente la sua vita: l’adesione alla Resistenza.

Partigiano di montagna, dal Luglio all’Ottobre del ‘44 combatte nella 2^ divisione lombarda, Brigata Rosselli, Distaccamento Fogagnolo. Dopo il “grande rastrellamento”, ritorna in clandestinità a Correzzana e nel Novembre dello stesso anno, con un piccolo gruppo di compagni, fonda a Lesmo il Distaccamento locale del CLN (il Comitato di Liberazione Nazionale).

Dopo il 25 Aprile viene chiamato a Monza, in forze al Comando della Brigata 211 Matteotti come vice comandante. Nel Giugno dello stesso anno entra in Polizia, prima nella Celere, poi nell’Ufficio Politico del tenente Corti. Resterà in Polizia fino al ’47.
In seguito, tornato in fabbrica (da cui non si era mai licenziato), farà sua la causa del movimento operaio e formerà la prima sezione del Partito Socialista in Correzzana.

Da allora e senza soluzione di continuità, quella che era stata lotta per la libertà, diviene lotta per i diritti sociali, animata dallo stesso coraggio e portata avanti con pari dedizione.
Sposato nel 1954 con Domenica Damiani, nel 1959 si trasferisce ad Arcore, dove tutt’ora vive con la moglie. Oggi ha una figlia, Eleonora, ed è nonno di Floriana.

La vita di Santo Capelli è un tratto della nostra Storia: della storia d’Italia, della Brianza e della nostra Correzzana. La sua memoria si intreccia con la memoria di tanti di noi, dei nostri genitori, dei nostri nonni. Il coraggio di Santo è il coraggio di tanti che come lui hanno sfidato la sorte per amore di un ideale e di un Bene comune che hanno sentito più grande del proprio.

Contenuto non disponibile
Acconsenti all'uso dei cookies se vuoi proseguire la navigazione

Correzzana Viva © 2018

Questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi