L' ALTRA VOCE DI CORREZZANA

Informazioni, notizie e aggiornamenti a cura di Correzzana Viva

CORREZZANA: VERGOGNA SENZA FINE!

LA STORIA: ANTECEDENTI.

Il 6 novembre 2017 un capannone industriale dismesso col tetto in amianto (ex proprietà Piazza) va a fuoco. Sindaco e vicesindaco, presenti sul posto insieme a Vigili del fuoco, ARPA e ATS, emettono un comunicato rassicurante: “FIAMME DOMATE, ESCLUSI PERICOLI”, ripreso da tutti i giornali locali.

Ma il pericolo AMIANTO c’è, come provato dall’evidenza dei fatti, dai rapporti di intervento (pur tra contraddizioni) e dalle analisi poi effettuate dall’ATS su campioni di terreno, consegnate al Comune di Correzzana 2 settimane dopo l’incendio, IL 20 NOVEMBRE 2017.

Solo 3 MESI dopo, grazie all’intervento pubblico di Correzzana Viva e al suo enorme lavoro per il bene di tutti, il sindaco Corbetta emette (obbligato dall’ATS dopo un imbarazzante botta e risposta con l’ATS teso allo scarico delle responsabilità) un’ordinanza contingibile e urgente per la messa in sicurezza dell’area, dichiarata gravemente pericolosa per la presenza di amianto. Se volete rispolverare la memoria, qui trovate la ricostruzione documentata della storia: fatti, atti e relativi documenti.

Già così è una BRUTTISSIMA STORIA, che ci dà la misura di quanto chi ci amministra si preoccupi di informarci, difendere i nostri interessi e tutelare la nostra salute. Ma la storia va avanti…e peggiora.

4 mesi dopo l’emissione dell’ordinanza, una volta al riparo, grazie alla PRESCRIZIONE, dagli esiti dell’inchiesta che lo vedeva IMPUTATO per l’accusa di corruzione aggravata con Malaspina, Corbetta DENUNCIA PENALMENTE I CONSIGLIERI DI MINORANZA (che avevano agito a tutela della salute pubblica, come LUI avrebbe dovuto fare) per “DIFFAMAZIONE” e “PROCURATO ALLARME” (!!!)

In questa mirabile impresa, che sa tanto di squallida ritorsione o peggio, becera intimidazione, si fa assistere nientemeno che dall’avvocato del Comune, il solito Paganelli (che stile, eh???)

Risultato: Il Pubblico Ministero archivia, con queste parole: “La notizia di reato è infondata poiché il contenuto degli articoli pubblicati ha certamente ad oggetto fatti di rilevanza pubblica nell’ambito sociale di riferimento e non trascende i limiti del legittimo esercizio di critica politica.” CHIARO, no?

Non pago, il Corbetta SI OPPONE ALL’ARCHIVIAZIONE: il tutto passa al Giudice per le indagini preliminari (GIP), di fronte al quale i nostri Consiglieri vengono chiamati a difendersi con la mediazione di un legale.

Esito finale (ovvio): ARCHIVIAZIONE CONFERMATA dal GIP, con queste parole: “NEL CASO DI SPECIE, TUTTO SI POTRA’ DIRE FUORCHE’ CHE NON VI SIA UN CONTINUO RIFERIMENTO A FATTI SPECIFICI …”.  E ancora: “SIAMO NELL’AMBITO DEL LEGITTIMO ESERCIZIO DI CRITICA POLITICA ESERCITATO PERALTRO DA CHI HA PROPRIO IL RUOLO (POLITICO) DI VIGILARE SULL’OPERATO DELLA MAGGIORANZA E DELLA PIU’ ALTA CARICA CHE ESSA ESPRIME, IL SINDACO”.

Non aggiungiamo altro. Chi volesse approfondire, può leggere direttamente le carte, che pubblichiamo qui, come sempre in modo trasparente. Correzzanesi, fatevi (almeno) tre domande:

  1. Perché degli amministratori di fronte a un serio rischio per la salute pubblica agiscono come se lo ignorassero? Ignoranza? Superficialità? O qualcosa d’altro???
  2. Come definite un sindaco (sfuggito agli arresti domiciliari per corruzione aggravata con Malaspina grazie alla prescrizione) che A FRONTE DELLA SITUAZIONE SOPRA DESCRITTA DENUNCIA I CONSIGLIERI DI MINORANZA per “PROCURATO ALLARME” e per “DIFFAMAZIONE”??
  3. VOLETE CONTINUARE A VIVERE IN UN COMUNE IN CUI CHIUNQUE SI ESPRIMA IN DISSENSO CON I “PADRONI” DENUNCIANDO IL MALAFFARE SUBISCE RITORSIONI, E CHI SI ESPONE PUBBLICAMENTE PER IL BENE DI TUTTI SI BECCA UNA QUERELA???

La storia, purtroppo, non finisce qui: c’è ancora di peggio che purtroppo vi dovremo raccontare, a brevissimo, perché CORBETTA NON AGISCE DA SOLO, MA CIRCONDATO E ASSISTITO DAI SUOI ACCOLITI, che se non sono suoi pari, sono addirittura peggio.

Intanto, digerite.

Se poi volete leggere coi vostri occhi i carteggi dei legali, del PM e del GIP, a voi la documentazione:

  1. Denuncia di Corbetta a Civitani e Pirovano
  2. Richiesta di archiviazione formulata dal PM
  3. Opposizione di Corbetta all’archiviazione
  4. Memoria difensiva di Civitani e Pirovano
  5. Archiviazione definitiva decretata dal GIP

 

Correzzana Viva © 2019

Questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi