L' ALTRA VOCE DI CORREZZANA

Informazioni, notizie e aggiornamenti a cura di Correzzana Viva

Mettete in sicurezza la strettoia!

Scintille in Consiglio Comunale parte seconda:
basta con le parole.
Mettete in sicurezza la strettoia!

Chiuso il sipario sull’assestamento di bilancio, al terzo punto all’ODG di venerdi sera la scena si apre sul DUP, il Documento Unico di Programmazione, ovvero il più importante strumento a disposizione dell’Amministrazione comunale per la gestione e il monitoraggio dei programmi.

Ora: sui contenuti di questo DUP Correzzana Viva aveva già espresso voto contrario in sede di approvazione del previsionale. Ieri sera, a fronte della lunga (ri)esposizione dei programmi da parte del sindaco, abbiamo riconfermato la nostra posizione, tenendo a marcare il nostro sdegno per l’inaudita noncuranza con cui la Giunta comunale antepone – in tema di urbanistica e viabilità – l’opportunità di una rotonda all’uscita di via Ungaretti, di un parcheggio su via Kennedy o di un campo di calcetto al centro sportivo, all’intervento che a nostro umile avviso dovrebbe avere la massima priorità per qualunque amministrazione responsabile. Ovvero: la messa in sicurezza della strettoia su via Principale angolo via San Desiderio.

Sentire il sindaco parlare delle risorse che vengono dalla lottizzazione su via Kennedy, parte della quale potrebbe essere destinata a finanziare un nuovo campo di calcetto o altre misure nel lotto 3 del campo sportivo, è stato grottesco.

in sicurezzaE a ben poco sono valse le pezze che il vicesindaco ha tentato di mettere, balbettando che sulla strettoia “stanno ancora valutando”…che ”comunque stanno andando avanti”…

La realtà è una sola:

  • il patto di stabilità non c’è più (e con esso è venuto meno l’unico vero alibi per la mancata presa in carico del problema);
  • si stanno avviando ben 2 nuovi piani attuativi (su via Kennedy e su via Principale – tratto nord), entrambi forieri di oneri di urbanizzazione trasformati in opere a scomputo (2 strade, un parcheggio, una rotonda, un pezzo di ciclopedonale…) in assoluto non prioritarie rispetto all’assoluta emergenza costituita dalla strettoia, vero incubo per la sicurezza di quanti vogliano per esempio andare in Chiesa o transitare tra la zona nord e la zona sud del Paese.

Ancor meno sono valsi i tentativi del vicesindaco di perorare la causa del “necessario parcheggio” e dell’urgente rotonda su via Kennedy, che a suo dire sarebbero da anni oggetto di richiesta da parte di cittadini residenti e non (il primo a servizio delle scuole e la seconda per ragioni di sicurezza in uscita da via Ungaretti).

in sicurezzaIl vicesindaco deve aver “dimenticato” di quando poco più di un anno fa – a fronte dell’istanza di un gruppo di cittadini che chiedevano la chiusura di via De Gasperi negli orari di entrata e uscita dalle scuole x problemi di sicurezza creati dalle auto parcheggiate in divieto in prossimità delle scuole stesse – l’amministrazione diffuse una mappa dei parcheggi presenti nella zona, sostenendo che le mamme di Correzzana fossero pigre perché preferivano parcheggiare in divieto di sosta accanto alla scuola invece di utilizzare i tanti parcheggi, presenti in abbondanza.
In quei giorni, proprio ad opera della maggioranza, il paradosso di Correzzana passò alla storia sui giornali locali: Correzzana, ovvero il Comune con più parcheggi che residenti!

Ora improvvisamente un parcheggio in prossimità delle scuole diventa un’emergenza assoluta: come mai?
Che cosa è cambiato?

Ce lo siamo chiesti a lungo, seriamente. Ora non più: a questo punto non ci interessa saperlo. Del resto, perchè rotonde e parcheggi siano tanto gettonati come opere a scomputo di oneri di urbanizzazione, lo abbiamo capito verificando come è stato realizzato il parcheggio del condominio Corabella (quello dei famosi cordoli in calcestruzzo invece che in granito, realizzato alla metà del prezzo e collaudato senza contabilità lavori, come tutte le altre opere realizzate nei PII 1 e 2).

Poi il sindaco si altera se educatamente gli sorridiamo mentre in Consiglio sbandiera che “l’amministrazione ha ottenuto 70mila euro in più per la lottizzazione di via Kennedy” (la nuova versione degli standard qualitativi ottenuti col PII2).
Per le stesse ragioni, sulla strettoia, non ci interessa dibattere. Ci interessa solo che il messaggio arrivi forte e chiaro: non vogliamo altre rotonde, né parcheggi, né tantomeno nuovi campi da calcetto realizzati con i soldi sottratti all’intervento per la messa in sicurezza integrale della strettoia!

Che per noi non significa – tanto per essere precisi – completare la ciclopedonale prevista sul lato est della strada, come guarda caso all’amministrazione piace declamare (con riferimento alla prima fase del progetto perorato dall’Amministrazione e approvato dalla Provincia lo scorso anno), bensì messa in sicurezza integrale della viabilità pedonale e ciclabile, su entrambi i lati della carreggiata, in un punto nevralgico del traffico in paese.

Il resto è aria.

Correzzana Viva © 2019

Questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi