L' ALTRA VOCE DI CORREZZANA

Informazioni, notizie e aggiornamenti a cura di Correzzana Viva

Polifunzionale: diamo i numeri?

polifunzionale

Anche se è passato un bel po’ di tempo dal famoso collaudo delle opere realizzate nel cantiere del Centro Polifunzionale ci piace riprendere il discorso e fare un passo indietro per farvi notare una piccola incongruenza.

E’ la somma che fa il totale.

Il 22 maggio 2014, a proposito dell’edificando Polifunzionale, l’Ufficio tecnico comunale firmava uno Stato di Avanzamento Lavori (SAL) da cui risultava che le opere erano state realizzate all’11%.

IL 21 luglio 2014 l’Architetto Amoretti (direttore lavori per conto della Delfina Lucia srl, allora in liquidazione volontaria) inviava al Comune la richiesta di sottoscrivere un nuovo SAL, in cui le opere risultavano realizzate al 50,1%, come da suo sopralluogo del 15 luglio.

Caspita, direte voi!
In meno di due mesi era stato fatto il 40% di quel che avrebbe dovuto essere fatto in 18 mesi a partire dal maggio 2008!

Un dettaglio: la firma di quel SAL serviva al Direttore lavori per intimare a due soggetti attuatori coinvolti insieme alla Delfina Lucia nella realizzazione del Polifunzionale, il pagamento della tranche di loro competenza (l’obbligo scattava al raggiungimento di determinate percentuali di avanzamento dell’opera). Ebbene, il nostro Ufficio tecnico presso il Comune di Correzzana, due giorni dopo la richiesta, confermava con lettera l’avanzamento lavori al 50,1%, ovviamente a fronte di apposito sopralluogo in cantiere.
Per la cronaca, i soggetti attuatori di cui sopra, non hanno mangiato la foglia e, ritenendo che l’avanzamento lavori fosse ben lontano dalla percentuale dichiarata, invece di pagare hanno aperto un contenzioso con la Delfina Lucia, di cui non abbiamo notizia, né ci interessa averne, trattandosi di faccende tra privati.

polifunzionale

Il 16 febbraio 2015, nella determina di escussione della fideiussione depositata presso la Vittoria Assicurazioni, il medesimo Ufficio tecnico comunale dichiarava, sempre a fronte di adeguato sopralluogo effettuato in cantiere, che la realizzazione dei lavori è arrivata al 40%.

Ma come?
Dopo 7 mesi, il 10% delle opere è stato disfatto?

C’è qualcosa che non gira e gioverà sapere che questa determina era funzionale alla richiesta di liquidazione, da parte della compagnia assicurativa, della fideiussione a copertura delle opere non ancora realizzate.

Ma la vera sorpresa arriva dopo: ovvero a dicembre 2015, in preparazione del collaudo ufficiale delle opere realizzate nel cantiere della “fu Delfina Lucia srl”, necessario anche in vista della pratica di escussione contestata dalla Vittoria Assicurazioni, che nel frattempo aveva citato il Comune in giudizio. In quell’occasione l’Architetto Amoretti (lo stesso che nel luglio precedente chiedeva ed otteneva dall’Ufficio Tecnico comunale una dichiarazione di SAL al 50,1%) allega alla documentazione preliminare al collaudo una stima delle opere realizzate.
Sapete qual è la percentuale di avanzamento lavori che risulta da quel documento? Il 28,5% !!!

Ricapitoliamo:
22 MAGGIO 2014: 11%
15 LUGLIO 2014: 50,1%
16 FEBBRAIO 2015: 40%
DICEMBRE 2015: 28,5%

Tela-di-penelopeNemmeno Penelope sarebbe stata capace di tanto!

Ovviamente andremo a verificare quanto prima il dato definitivo, risultante dal verbale dell’avvenuto collaudo. Nel frattempo, al di là delle facili ipotesi che si possono fare, è impossibile non rilevare una macroscopica incongruenza. Secondo voi, quali visioni avrà avuto il responsabile dell’Ufficio tecnico, tra Luglio 2014 e Febbraio 2015, per rilasciare dichiarazioni così palesemente contraddittorie?

E’ ammissibile che atti pubblici di questa portata siano gestiti in modo così superficiale e, soprattutto, in apparente totale assenza di controllo da parte dell’amministrazione?

Il controllo, quanto meno sul piano tecnico, nella fase finale sarebbe garantito dalla presenza del collaudatore nominato dal Comune: l’ormai celebre Ing. Fabio Maria Piemonti, tecnico evidentemente assai degno di stima e considerazione da parte del nostro Comune, dato che è grazie a lui che oltre 2 milioni di euro di opere realizzate a scomputo di oneri di urbanizzazione dovuti dalla Delfina Luicia srl sono state collaudate (e le relative fideiussioni liberate) senza traccia di contabilità finale dei lavori ed è sempre sotto la sua accuratissima supervisione che, per esempio, i cordoli in granito del parcheggio del Corabella sono diventati di ordinario calcestruzzo senza che nessuno se ne accorgesse (tranne noi).

Tutto ciò era stato da tempo da noi denunciato e addirittura portato all’attenzione di tutti i cittadini nell’ultimo notiziario. Eppure…non solo il Comune ha affidato al buon Fabio Maria anche l’incarico per il delicatissimo collaudo del Polifunzionale, ma addirittura, nella determina dello scorso 21 ottobre, ne ha tessuto altissime lodi!

Riportiamo:

“Considerato che il professionista Ing. Fabio Piemonti presenta i necessari requisiti di comprovata esperienza nel settore e di affidabilità, in quanto particolarmente esperto nei collaudi tecnicoamministrativi, avendo già svolto per l’ente prestazioni di servizio professionale di uguale contenuto…”

Un insulto alla trasparenza e un bello schiaffo alla civiltà.

Dov’era il sindaco?
…e il vicesindaco?
…e l’Assessore all’Urbanistica?
…e i consiglieri delegati, rispettivamente all’urbanistica e ai lavori pubblici?

Qualcuno davvero pensa che potessero non sapere?
Davvero questi super competenti amministratori non leggono nemmeno ciò che passa sull’Albo Pretorio?

Correzzana Viva © 2019

Questo sito utilizza i cookies.
Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi